Amedeo Gabucci (in arte deò) in 'Ombre'

Di: Giovanni Cardone

Si inaugurerà venerdì 27 giugno presso il MAV – Museo Archeologico Virtuale di Ercolano – la mostra “Ombre” dell’artista deò, con il Patrocinio del Comune di Ercolano in collaborazione con l’Associazione Culturale Liberamente.
Alla mostra interverranno il Sindaco di Ercolano Dott. Vincenzo Strazzullo, il Vicesindaco di Ercolano Dott. Antonello Cozzolino , l’Assessore alla Cultura Carmela Aprea e il Direttore del MAV Dott. Ciro Cacciola.
La mostra sarà curata dal Critico d’Arte Giovanni Cardone.

Giovanni Cardone: Come nasce questa mostra e perché al MAV – Museo Archeologico Virtuale di Ercolano?
Amedeo Gabucci: Nasce da un mio desiderio forte di creare una personale con nuovi lavori dato che queste ultime mie opere sono nate da un progetto iniziato due anni fa. Volevo che la mia arte venisse esposta in museo perché è la summa della mia sperimentazione, l’unione tra pittura e scultura.

Giovanni Cardone: Chi è veramente deò e che significato ha per lui la parola sperimentazione?
Amedeo Gabucci: deò è l’acronimo del mio nome e in parte forse rappresenta anche il mio percorso di artista. Per me la parola sperimentazione ha identificato il mio essere artista, il ricercare forse anche me stesso.

Giovanni Cardone: Da dove nasce questo titolo Ombre?
Amedeo Gabucci: Le mie opere sono tra l’idealismo e il surrealismo, non rinnegando la tradizione o meglio il supporto tradizionale, la tela. Esse rispecchiano in pieno il gioco di luce e ombra separatamente perché di fondo esse sono bianche e li nasce l’ombra, che per me è come unire sacro e profano.

MAV- Museo Archeologico Virtuale di Ercolano
Via IV Novembre – Ercolano – Napoli
Infoline : 081. 198.06.511

La mostra si potrà visitare dal 28 giugno al 12 luglio tutti giorni dal martedì alla domenica dalle ore 9.00 alle 17.30 – Lunedì Chiuso.

Data articolo: 26-06-2014


Inserisci un commento
avatar



Adv

Ricerca nel sito

Adv

 

Sostienici


Adv

Social Network