Region Art Gallery di Tver

articolo

Di: Franco Desiderio

Ci occupiamo oggi di un museo, che certamente non può essere definito uno dei più ricchi del pianeta, né tantomeno dei più conosciuti.
E' tuttavia uno dei più antichi musei regionali in Russia, fondato nel 1866 e rappresenta, per le opere che ospita ed anche per la sede, una splendida testimonianza dell'era imperiale russa ed in particolare dell'arte russa, non solo del periodo imperiale, ma anche successivo alla rivoluzione.

E' ospitata all'interno del Palazzo Imperiale di Tver, una cittadina a nord di Mosca. Costruito per l'imperatrice Caterina II dal 1763 al 1778, dal grande urbanista russo Peter Romanovich Nikitin, il Palazzo Imperiale di Tver, per più di due secoli, ha più volte cambiato il suo aspetto, riflettondo gli stili e gusti che mutavano nei secoli.A distanza di due secoli e mezzo il palazzo è tuttavia ancora un'icona del periodo imperiale russo.
Oggi è in via di ristrutturazione dopo essere stato lasciato decadere per troppo tempo.
E' stato costruito con la funzione di dimora di riposo per i membri della famiglia imperiale mentre viaggiavano da San Pietroburgo a Mosca. Nel XIX secolo servì come residenza per la granduchessa Caterina Pavlovna e suo marito, il principe Giorgio di Oldenburg. Nel XX secolo invece fu sede dei Soviets (enti governativi in ​​URSS) dei deputati operai e contadini. Nel Dicembre del 1941 il palazzo fu parzialmente distrutto dai soldati tedeschi, ma già nell'estate del 1943 iniziarono i lavori di restauro.

Nell'Ottobre del 1896 il Museo Tver fu ufficialmente trasferito nel Palazzo Imperiale, ma già precedentemente si erano tenute mostre di artisti di Mosca in alcune sale del palazzo.
La vita del palazzo è stata per secoli in qualche modo collegata con l'arte, essendo esso stesso un'opera d'arte dal punto di vista architettonico e per le decorazioni e gli arredi. Progettato con l'obiettivo principale di assecondare i gusti estetici dell'imperatrice, sotto il vigile occhio di Peter Romanovich Nikitin, tutto, inclusi interni, arredi ed oggetti fu relizzato nello stesso stile del tardo barocco.
Ora la galleria è un museo d'arte di ampio ambito. La collezione della galleria conta circa 40.000 opere tra dipinti, sculture, disegni e arti decorative. Abbraccia arte religiosa russa, pittura russa e dell'Europa occidentale, arti grafiche, sculture, mobili ed oggetti di arti decorative e applicate russe e dell'Europa occidentale. Alcuni dei reperti risalgono ai secoli XIII-XV.

Il museo è diviso in sezioni:
  • ■ Sezione di arte antica che comprende:
    • icone della scuola di Tver dei secoli XIV-XVI
    • affreschi dei secoli XV-XVI
    • sculture in legno ed in rame
  • ■ Sezione di arte russa dei secoli XVIII-XX che comprende le seguenti collezioni:
    • Ritratti dall'inizio del XVIII secolo al XIX secolo. (I. Vishnyakov, Antropov, V. Borovikovskiy, S. Shchukin, V.Tropinin")
    • Dipinti allegorici e religiosi del XVIII secolo (A. Venetsianov ed artisti della sua scuola - G. Soroka , N. Krylov, Tyranov ecc.)
    • Paesaggi dei secoli XIX-XX. (Levitan, S. Zhukovsky, Korovin, I. Grabar, Rylov, Stepanov, V. Byalynitsky-Birulya ecc)
    • Scultura monumentale del XX secolo. (Andreev, Mukhina, S. Konenkov, B. Korolev, I. Shadr, I. Frikh Har, Efimov, A. Zelensky,O. Komov ecc.)
  • ■ Sezione di arte occidentale europea che comprende dipinti, sculture, disegni e incisioni di italiani, francesi, tedeschi, olandesi, fiamminghi e altre scuole dei secoli XVI-XX
  • ■ Sezione di arti e mestieri che conta circa 7.000 oggetti; porcellane e maioliche di Russia, Europa, Oriente, mobili russi ed europei, arte del vetro, metallo, tessuto, ecc.
Una così vasta raccolta di opere è evidentemente il risultato di acquisizioni continue nel corso degli anni, ma un punto di svolta nel destino della collezione d'arte di Tver si ebbe nel 1917 quando nel museo cominciarono a confluire oggetti dalle diverse tenute nazionalizzate.
In questo senso l'apporto più significativo in termini di quantità e qualità è legato al nome del principe Kurakin Volosovo che possedeva una collezione di dipinti costituita da più di 500 opere. Essa comprendeva opere di antichi maestri europei (francesi, olandesi, italiani, inglesi), una galleria di ritratti dei re e imperatori della dinastia della Casa di Romanov, una galleria di ritratti di numerosi rappresentanti della sua famiglia.

Attualmente è in corso una mostra di opere d'arte della collezione del periodo imperiale in occasione del 400° anniversario della Casa dei Romanov (la mostra terminerà il 13 Aprile 2014).

Data articolo: 11-02-2014


Inserisci un commento
avatar



Adv

Ricerca nel sito

Adv

 

Sostienici


Adv

Social Network