L'Artista del mese: William Bouguereau

articolo

Di: Franco Desiderio

"Ogni giorno vado nel mio studio pieno di gioia; la sera, costretto a fermarmi a causa delle tenebre, faccio fatica ad aspettare il mattino per riprendere ... Il mio lavoro non è solo un piacere, è diventata una necessità. Poco importa quante altre cose ho nella mia vita, se non posso dedicarmi alla mia cara pittura, sono infelice". Così parlava di sé stesso William Bouguereau.
Nonostante il suo genio artistico e la sua grande popolarità, poco è stato scritto su di Bouguereau, i suoi quadri e i suoi metodi.
William Adolphe Bouguereau (questo il suo nome completo) è stato un pittore di soggetti religiosi, storici e mitologici. La delicatezza con cui ha ritratto bambini e scene domestiche, la sua abilità tecnica, la passione per i classici e il suo amore per il colore sono caratteristiche distintive della grande pittura di questo artista.
Nato a La Rochelle, sulla costa atlantica della Francia, il 30 novembre 1825, dimostrò in età molto precoce la sua straordinaria capacità di disegnare. Formatosi con studi classici alla scuola superiore di Pons, fu allievo di Louis Sage che gli diede una solida base sulle tecniche ed i principi del disegno.
Pur dividendo il suo tempo tra studio e lavoro riuscì a soli 19 anni, dopo due anni di studi, a vincere il primo premio per la pittura di una figura raffigurante San Rocco. Questo rafforzò la volontà del giovane, ma il centro del mondo dell'arte, tuttavia, era a Parigi, non Bordeaux e i suoi genitori non potevano permettersi di mandarlo a studiare a Parigi. Fu grazie allo zio Eugene, curato, che riusci a raccimolare la somma necessaria facendo ritratti ai parrocchiani. Riuscì ad essere ammesso all'Ecole des Beaux Arts di Parigi e nel 1950 riuscì a vincere il prestigioso Prix de Rome con l'opera "Zenobia trovata dai pastori sulle rive dell'Araxes". Il premio consisteva in un anno di soggiorno nella Villa Medici a Roma, dove potè studiare dal vivo gli artisti del Rinascimento. L'incontro ravvicinato con le opere d'arte in Italia segnò il suo percorso artistico definitivamente.
Il suo intuito commerciale, tuttavia, lo spinse presto ad allontanarsi dai grandi temi storici, religiosi e mitologici, che poco appeal avevano dal punto di vista commerciale, per dedicarsi più intensamente alla pittura di figure come madri, bambini e pastorelle.
Bouguereau produsse più di 700 opere raggiungendo un notevole livello di successo di pubblico e finanziario, tanto che i suoi dipinti erano particolarmente popolari in Inghilterra e in America.
Dopo diversi anni di malattia di cuore, morì a La Rochelle, il suo paese natale, il 19 agosto 1905.
Le sue opere sono presenti nel Museo d'Orsay a Parigi e nei musei di Bordeaux, Digione e La Rochelle oltre che nel Palazzo della Legione d'Onore a San Francisco.

Meditazione

Data articolo: 01-04-2013


Inserisci un commento
avatar



Adv

Ricerca nel sito

Adv

 

Sostienici


Adv

Social Network